LOADING

Type to search

L’Efes domina il derby del Bosforo. Darussafaka, ennesimo flop

Share

Pronostici rispettati e sensazioni confermate. L'Anadolu Efes può pensare ai quarti di finale di Eurolega, il Darussafaka è alla Top Sixteen per puro caso.
Il derby di Istanbul, nel terzo turno della seconda fase della massima competizione continentale, si è concluso con la vittoria per 84-71 dell'Efes sul Darussafaka. Un successo netto ma che non rende l'idea sulla palese differenza di gioco, approccio e qualità delle due squadre turche.
L'inserimento nel secondo quarto di Jayson Granger ha di fatto segnato una gara inizialmente inaspettatamente equilibrata, con i neroverdi addirittura avanti dopo i primi dieci minuti di gioco per un punto. L'inserimento dell'uruguaiano ha sparigliato le carte sul tavolo, spegnendo anche velocemente il duo Erden-Gordon che aveva illuso il Darussafaka che questo derby potesse andare in maniera differente.
L'Efes ha di fatto chiuso i conti tra secondo e terzo quarto, allungando addirittura a +21 a metà del terzo quarto sfruttando prima la vena di Granger e poi la fisicità di Derrick Brown, capace di far razzia sotto canestro di ogni cosa che passasse dalle sue parti. Il Darussafaka è rimasto a lungo a guardare, una prova totalmente negativa fuorchè di Scottie Wilbekin, ultimo ad arrendersi e miglior realizzatore della gara con 20 punti. Un lampo nel buio più totale che consegna il risultato finale di 84-71 che sta pure stretto ai vincitori.
L'Efes sale così alla pari di Unicaja Malaga e Lokomotiv Kuban, in pienissima corsa per i quarti di finale. Darussafaka che si conferma, invece, peggior squadra della Top Sixteen per gioco e risultati: 3 sconfitte su 3 gare, tutte sconfitte nette e tutte gare giocate male, anzi, malissimo…