LOADING

Type to search

Il CSKA avvisa l’Europa e sbanca Madrid

Share

Con una straordinaria prestazione corale e di forza, il CSKA Mosca ha vinto in casa del Real Madrid nel nono turno della Top Sixteen di Eurolega per 96 a 87 staccando, di fatto, il pass per i quarti di finale ma anche mandando un grande messaggio all'intera competizione circa le ambizioni di vittoria finale.
La squadra di Itoudis ha disputato una gara di straordinaria intensità in tutti i suoi effettivi finendo addirittura in crescendo una gara estremamente combattuta. Il Real Madrid, di contro, non esce affatto ridimensionato da questa sconfitta e conferma di aver passato il periodo nero, ma la sensazione è che al momento la squadra di Laso non sia al livello del magnifico duo Fenerbahce-CSKA per la vittoria finale.
L'avvio ha visto da subito un cristallino equilibrio fino praticamente allo scadere dei primi 10 minuti sul 18 pari. Da una parte il solito trio fisicato Reyes-Ayon-Llull ha tirato la carretta Blanca, dall'altro bene Freeland e Vorontshevich, mentre gli uomini di maggior qualità come Teodosic hanno tramato dietro le quinte.
Il primo spacca-match è stato in avvio di secondo quarto Kyle Hines con una tripla che ha segnato il 23-26 CSKA. Rodriguez e Taylor hanno riportato in parità la gara (28 pari) ma il CSKA ha mostrato maggiori variazioni del tema, chiudendo a +5 all'intervallo (37-42) con Fridzon e un Milos Teodosic in evidente crescita di giri.
Il Real, dopo l'intervallo, l'ha messa chiaramente sul piano fisico ancor di più, comprendendo il gap tecnico in favore dei russi. Con un ennesimo sforzo di Felipe Reyes le Merengues hanno nuovamente impattato sul 52 pari, ma non è stato sufficiente a rimanere a lungo in stallo: Itoudis ha potuto godere anche di un De Colo in partita dopo un primo tempo così così, e di Teodosic e Hines invece sugli scudi. Il terzo quarto vede ancora un buon Real che però chiude a -2 (62-64).
E' nell'ultimo quarto, però, che emerge tutta la qualità russa. Il trittico Teodosic-Hines-De Colo miete triple e manda in fuga sul +12 (71-83) gli ospiti. Il Real non molla e mostra ancora i muscoli: Llull, Ayon e Reyes sono i capisaldi della nuova disperata rincorsa che arriva a -5 (85-90) ma come potete capire questo CSKA è infinito nelle sue qualità e ancora con Nando De Colo e Victor Khryapa (essenziale nei 10 finali) stacca il 96 a 87 e che consegna un bell'attestato ai russi e che non ridimensiona i madrileni.