LOADING

Type to search

Il Cedevita espugna il Forum e getta in crisi Milano

Share

Al Mediolanum Forum di Assago l’Olimpia Milano esce sconfitta per mano dei croati del Cedevita Zagabria. L’ex squadra di Repesa riesce nonostante la giovane età a mettere in difficoltà e nel finale a vincere contro un’Ea7 troppo distratta in attacco. Avvio calcistico in Forum gremito di oltre 7.000 persone per entrambe le squadre che sbloccano il tabellone dopo due minuti andati praticamente a vuoto. McLean segna per Milano, Gordic sblocca il tabellone per il Cedevita (2-2) ma per vedere ancora un canestro bisognerà aspettare il quarto minuto di gioco con Gordic libero al limite dell’area; Milano risponde con un tiro da tre punti di Lafayette. Arapovic subisce fallo, Repesa mischia le carte in tavola e schiera Barac al posto di McLean, Bilan segna però facilmente e solo Gentile riporta dopo il TV time out l’Ea7 sotto di una lunghezza 7-8. Il Cedevita ci prende però gusto e con White ed Arapovic da tre firma il +6 (9-15) costringendo Repesa al time out. L’Olimpia fa fatica a battere in 1vs1 gli ospiti ed il primo quarto si chiude sul punteggio di 11-21. Ad aprire il secondo quarto ci pensa Birbic da due punti, Simon risponde dai tre punti dando segni di riscossa per i padroni di casa. L’Olimpia è come un diesel e con Macvan riesce ad aumentare il ritmo e l’intensità in mezzo al campo. La palla inizia a girare meglio e Jenkins punisce dai tre punti (19-25) costringendo il Cedevita Zagabria a chiamare time out. Barac però non regge Bilan in attacco, Repesa schiera Lawal o, ma il risultato non cambia ed il Cedevita punta il lungo dell’EA7 che si fa sfuggire un attivissimo Bilan capace di segnare il 21-27. Zagabria è prontissima dai tre punti e Pilepic punisce costringendo Repesa al time out. L’Olimpia non si perde d’animo e con Simon trova un 2+1 importantissimo che vale il 24-30 a cinque minuti dall’intervallo lungo. I croati sbagliano ancora nell’area, Gentile vola in 1vs1 contro una “tonnara” di maglie bianche trovando ancora una volta il canestro ed il libero supplementare, quest’ultimo, purtroppo per gli oltre 7.000 giunti al Forum, non va a segno. La gara prosegue ma i giocatori di Milano non si capiscono in difesa e White ruba due punti lasciando di stucco tutti i presenti al Forum di Assago. Milano fa fatica, Lawal commette fallo in attacco andando in isolamento fronte a canestro, e nell’azione successiva White punisce ancora in layup portando i suoi sul 26-34. E’ Oliver Lafayette a tenere viva l’Olimpia con un tiro da tre punti che vale il -5 (29-34). Nel finale di quarto Mazalin commette fallo a 6” dalla fine, McLean ringrazia e fa 1/2 portando il secondo quarto a chiudersi sul punteggio di 30-35. Alla rientro dagli spogliatoi è McLean che apre con un 2+1 (33-35); il Cedevita risponde con Bilan ed il giovane classe 1996 Arapovic capace di segnare il +2 che vale il 33-39. L’Olimpia si piega ma non si spezza è con Gentile risponde a tono, Simon lo segue ed è -2 (37-39) dopo appena tre minuti. La parità non tarda ad arrivare con il capitano dell’Olimpia che corregge l’errore di McLean ed appoggia il 39-39 costringendo gli ospiti a chiamare time out. All’uscita è ancora Gentile ad aver ragione contro la difesa di Zagabria, Arapovic risponde ed è ancora parità a quota 41. Il quarto scorre veloce e si chiude con Milano avanti 50-49. Nell’ultimo e decisivo quarto è l’Olimpia a partire forte con un 7-2 firmato Simon-Barac-Lafayette, il Cedevita risponde con Babic e Bilan quest’ultimo autore di un 6-0 (58-59) che costringe coach Repesa a chiamare time out. Al rientro in campo è Zganec a segnare per gli ospiti, Gentile risponde per la nuova parità a quota 61. Il tempo è però nemico dell’Olimpia che dopo il canestro di Bilan perde palla con Macvan dando una nuova possibilità in attacco al Cedevita. Bilan e Babic non si fanno scappare l’occasione e Zagabria vola sul +7 (63-70) chiudendo di fatto i conti e condannando l’Olimpia alla seconda sconfitta consecutiva in casa. Finale dal Forum 68-77 e strada verso le Top16 per l’Olimpia già in salita.