LOADING

Type to search

Finale da urlo per il Fenerbahce! E la Lokomotiv Kuban si deve arrendere

Share

Dopo la grande sofferenza e i silenzi della Ulker Arena per lunghi tratti della gara, il Fenerbahce ci mette 10 minuti di autentico furore agonistico per spazzare via le speranze di impresa di una Lokomotiv Kuban che pur con un Delaney non in serata di grazia ha a lungo accarezzato il sogno della consacrazione sul Bosforo. Alla fine l'ha spuntata la squadra di Obradovic per 85 a 79, rafforzando la sua candidatura a potenziale vincitrice dell'Eurolega battendo la squadra rivelazione di questa prima fase del torneo continentale.
Dopo un avvio equilibrato, nel secondo quarto la Lokomotiv spaventa la Istanbul gialloblù con un parziale choc iniziale di 0-14 che ribalta completamente i pronostici. Da tre gli uomini di Bartzokas risultano infallibili, in particolare con Victor Claver che risulterà cecchino implacabile con un cinque su cinque da applausi.
Sotto e stordito, il Fenerbahce fatica dopo l'intervallo ad abbozzare una reazione, riuscendo a mantenere uno svantaggio di -9 che tiene i gialloblù in corsa fino all'ultimo quarto.
E' proprio nei dieci minuti finali che cambia la partita: trascinati da un Bogdan Bogdanovic in versione gladiatoria, i turchi imprimono un ritmo indemoniato alla partita, mettendola sul piano fisico e schiacciando letteralmente i russi mettendo a segno ben 34 punti in 10 minuti. Oltre a Bogdanovic sale in cattedra anche il nostro Datome, altro protagonista della riscossa dei ragazzi di Obradovic che chiudono tra l'entusiasmo generale del pubblico e realizzando che il sogno di un colpo europeo non è affatto una chimera: la terza vittoria in tre gare mette i quarti di finale sempre più vicini. La sconfitta per la Lokomotiv Kuban non ridimensiona affatto i giudizi sui russi: potenziale outsider in grado di arrivare anche alla Final Four ma, forse, non ancora pronta per il colpaccio. Per ora…