LOADING

Type to search

Fenerbahce Dogus Istanbul-Armani Exchange Olimpia Milano: i numeri

Matteo Bettoni 23 febbraio 2018
Share

4. senza Jordan Theodore e i suoi continui attacchi all’area Milano soffre in attacco senza riuscire a trovare con costanza la via del canestro: solo 4/18, infatti, sono i tiri segnati da oltre l’arco dopo 20′ di gara (8/31 al 40′) quando il Fener sfida e concede agli ospiti tiri dalla lunga distanza difendendo attentamente il pitturato;

15. i punti di Jason Thompson, un’ala dal repertorio molto vasto come dimostra quel 7/8 dal campo abile di ferire Milano sia lontano da canestro sia in avvicinamento;

16. il numero delle vittorie del Fenerbahce in questa stagione di Eurolega (terzo posto dietro a CSKA, già qualificato per i playoff, e Olympiacos) così come il numero di sconfitte subite dall’Armani Exchange per la 15° posizione nella classifica generale;

19. se non si considerano gli ultimi due punti di Mindaugas Kuzminskas (11 alla fine con 2/6 da due e 2/4 da tre) negli ultimi due secondi della gara quando gli uomini in giallo blu erano negli spogliatoi, Vladimir Micov è l’unico giocatore dell’Armani Exchange in grado di creare preoccupazioni alla difesa del Fener: 6/6 da due, 2/6 da oltre l’arco e 1/2 dalla lunetta sono le percentuali del giocatore serbo, un uomo solo in mezzo al deserto nella Ulker Sports Arena;

20. poco dopo il quarto d’ora di gioco, Milano si ritrova con un piede nella fossa perché il Fener accelera con un parziale di 18-2 nel secondo quarto che lancia i padroni di casa sul 46-26 a 1:24 alla pausa lunga;

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1