LOADING

Type to search

De Colo regala il primato al CSKA. Niente da fare per il Laboral

Share

La maggior qualità ed esperienza sono stati due fattori decisivi per il CSKA Mosca nella vittoria sul Laboral Kutxa nell'undicesimo turno della Top Sixteen di Eurolega.
I russi si sono imposti per 90 a 78 sfruttando un ottimo impatto e marcando la gara con Nando De Colo, 19 punti leadership e tanta qualità in una vittoria che sostanzialmente consegna il primo posto nel Gruppo F ai russi. Bene anche Higgins e Teodosic, ma in generale la prova della squadra di Itoudis è da elogiare per la lettura dei momenti: scatto e poi contenimento nel momento della disperata rincorsa basca.
Una sconfitta per Baskonia, invece, che non ridimensiona affatto i ragazzi di Perasovic, che hanno patito il fattore esterno e anche la serata non eccelsa di alcuni big come Bourousis e Bertans. Benino Causeur, il migliore è risultato Adam Hanga.
La partenza degli ospiti, tuttavia, non era stata da buttare, tanto da restare avanti per una parte di primo quarto fino al 10-14 sospinti proprio da Hanga e Causeur. E' stato però un fuoco di paglia: Vorontsevich e Higgins hanno spezzato il ritmo dei baschi, inferendo loro un terribile 10-0 (20-14) che ha chiuso il quarto e cambiato la gara.
Il secondo quarto ha, infatti, segnato l'andamento finale del match: Baskonia sbaglia, CSKA colpisce. E' sempre Higgins ad allungare a +10 (28-18), con Adams che accorcia a -8 (34-26). Il monologo è russo, e scende in pista Nando De Colo: la qualità del francese porta all'allungo al riposo sul +14 (40-26).
Dopo l'intervallo il CSKA ci mette la testa e mette la museruola al Laboral. Vorontsevich allunga addirittura a +16 (49-33), Plancic accorcia a -11 (49-38) e con Adams i baschi arrivano a -9 (51-42). Vantaggio rassicurante per il CSKA, che non soffre e torna a +12 (61-49) grazie all'estro di Milos Teodosic. De Colo, poi, rimette la questione a +12 (68-56).
Baskonia attacca e concede, idem nell'ultimo quarto dove a -12 era e a -12 rimane. Il duello francese De Colo-Causeur infiamma gli ultimi 10 minuti, con la forbice che va dal +15 (76-61) al -7 (76-69). E' però il francese del CSKA ad aver la meglio, spingendo nuovamente in fuga i russi fino al finale di 90-78 che porta in dote il primo posto.