LOADING

Type to search

Calvani: “Contro il Maccabi mi aspetto che continui il processo di crescita”

Share

Al PalaSerradimigni tornano le #NottiGiganti con l’Eurolega: domani sera, palla a due alle 19, il Banco incontrerà il Maccabi Tel Aviv, nella sfida valida per il round 8 della regular season. I sassaresi vedranno calcare il parquet del PalaSerradimigni una delle più blasonate squadre europee che appena due stagioni fa ha conquistato il titolo di campione d’Europa. Attualmente il Maccabi attraversa un momento difficile, in panchina coach Goodes (presente nella gara d’andata in Israele) è stato sostituito dal tecnico croato Zan Tabak dopo un avvio tutt’altro che roseo. Rochestie e compagni sono fermi a una sola vittoria ottenuta in Eurolega, quella del round 3 contro i sassaresi. Ma la squadra che domani accoglierà i gialloblu è ben diversa da quella vista alla Nokia Arena: i padroni di casa guidati da coach Calvani arrivano dalla vittoria autoritaria con Capo d’Orlando in campionato e dalla convincente prestazione di venerdì scorso contro la corazzata del Cska Mosca. Per Devecchi e compagni l’imperativo è vincere e sovvertire la differenza canestri (a Tel Aviv finì 79-63), come ha sottolineato coach Calvani questa mattina in conferenza stampa.

L’avversario. Il Maccabi Tel Aviv è una delle squadre più competitive del panorama europeo, considerato uno dei monumenti della pallacanestro continentale. La scorsa stagione ha affrontato l’ Eurolega da campione in carica e con il suo nuovo coach Guy Goodes si è imposta come grande contendente su tutti i fronti, sia sul fronte nazionale che  europeo. Quest’anno la squadra vuole ripetersi e migliorare i risultati dell’annata passata, dove ha conquistato a Coppa di Israele e si è qualificata alle Top 16, per essere poi eliminata dal Fenerbahce nei playoff di Eurolega. Come da tradizione del Club, la squadra è stata costruita con un mix esplosivo tra i migliori giocatori di Israele e talenti stranieri. Il Maccabi ha storia e tradizione, con la conquista del primo trofeo continentale nel lontano 1977, per ripetersi poi altre quattro volte, l’ultima appunto nel 2014. Nel suo palmares figurano 51 titoli nazionali e 42 Coppe d’Israele, mentre ha conquistato l’Adriatic League una sola volta, nel 2012. Il roster di quest’anno è stato costituito partendo dal talento di Taylor Rochestie, vincitore del Trofeo Ford dello scorso anno e visto nelle vesti di avversario con la maglia del Nihzny Novgorod, la stella gialloblu Jordan Farmar e Yogev Ohayon, tutte guardie con tanti punti nelle mani. Nel pitturato potrà contare su Trevow Mbakwe, Arinze Onuaku e Dragan Bender, mentre sarà ancora fuori Brian Randle. Sorvegliato speciale Devin Smith, giocatore a tutto tondo e di grande esperienza, che Sassari cercherà di limitare in tutti i modi. L’avvio di stagione del Maccabi non è stato dei migliori e poco dopo il round 3 è stato chiamato Zan Tabak a guidare la compagine israeliana. Nonostante il cambio in panchina il Maccabi continua ad avere una sola vittoria europea e non riesce a sbloccarsi.

Arbitreranno l’incontro i signori Sasa Pukl (SLO), Milovije Jovcic (SER) e Carlos Peruga (SPA).

Dichiarazioni. Inizia a farsi conoscere coach Marco Calvani, nel suo pragmatismo: “Mi aspetto dalla squadra che continui il processo di crescita e che cerchi di mettere in pratica ciò che proviamo in allenamento. Il Maccabi rappresenta la storia del basket e nonostante le difficoltà ha un roster di primissimo livello, vogliamo essere pronti non tanto per la classifica del girone, che è compromessa, ma per noi stessi per una questione di mentalità e di approccio, proveremo in tutti i modi a portare a casa la vittoria. La squadra andrà in campo non solo per i 2 punti ma anche per ribaltare differenza canestri. Vogliamo chiudere l’esperienza in Eurolega non da ultimi della classe e per questo avremo bisogno del sostegno del pubblico”.

Lorenzo D’Ercole: “vogliamo continuare il trend positivo e il processo di crescita che stiamo avendo. È per noi una partita da vincere per centrare la prima vittoria in Eurolega e smuovere la classifica”.

Fonte: Ufficio Stampa Dinamo Sassari