LOADING

Type to search

Eurocup: Nizhny ed Herbalife con un piede già sul treno per i quarti

Share

Vittoria di misura nel derby turco, che premia i padroni di casa del Pinar sul Galatasaray: Iverson e compagni partono forte mettendo in difficoltà gli ospiti sia nel primo che nel secondo quarto e rientrando con un ottimo +11 negli spogliatoi; ma nella ripresa i ragazzi di Ataman rimettono tutto in discussione dimezzando il distacco nel terzo periodo e portandosi ad un solo canestro al suono della sirena del quarantesimo. Anche la partita tra Stelmet ed Unics lascia il verdetto aperto per il ritorno, ma in questo caso i quattro punti di vantaggio sono per i russi, che la prossima settimana avranno il favore del campo; anche in questo match troviamo il gioco (saldamente nelle mani dei polacchi nel primo tempo) “cambiare panchina” nella ripresa, dando la possibilità a Colom e compagni di mettere la freccia, per poi gestire il piccolo vantaggio accumulato fino al 40'. Servirà invece una vera e propria impresa allo Zenit per passare il turno settimana prossima davanti al pubblico amico, perchè il derby russo d'andata è stato vinto ampiamente (con uno scarto di ben 26 punti) dai padroni di casa del Nizhny: a differenza delle due partite precedenti, in questo caso i padroni di casa hanno dominato senza problemi per trenta minuti, portando il distacco oltre le trenta lunghezze, prima di rallentare il ritmo e permettere ai ragazzi di Karasev di limare qualche punto, nella speranza di un “miracolo” casalingo. Solo sei giocatori a canestro, di cui 5 in doppia cifra e vittoria in volata con un tre “gettoni” da giocarsi per il ritorno in casa: in questo modo Milano ha alzato le sue quotazioni per il passaggio del turno, espugnando il palazzetto del Banvit. Dopo un primo tempo un po' sottotono, con Sanders e compagni in difficoltà nel contrastare l'attacco dei turchi, ecco che, nel terzo periodo a sorpresa, le redini del gioco passano proprio nelle mani dei biancorossi che, con un parziale di 12-23 riescono a portarsi in vantaggio di tre punti prima dell'ultima sosta, mantenendo poi il distacco fino alla sirena finale. Incontro equilibrato anche tra Zaragoza e Trento, con un primo tempo che ha visto i trentini partire determinati, per farsi poi sorprendere e recuperare nel secondo quarto dai padroni di casa, ed un secondo periodo giocato in perfetta parità fino al tiro finale di Bellas che ha regalato a Zaragoza un canestro di vantaggio in vista del ritorno. Ancora più equilibrato e terminato in perfetta parità è invece il derby tedesco tra Alba Berlino e Bayern Monaco, con i padroni di casa che provano a “scappare” nel primo tempo, ma riescono a rientrare negli spogliatoi con soli 6 punti di vantaggio; nonostante il botta e risposta sia alla base del gioco anche nella ripresa, i ragazzi di Pesic riescono a limare poco alla volta il piccolo distacco, trovandosi così in “pareggio” al suono della sirena finale. Continuiamo con l'ultimo match giocato punto a punto e chiuso con un solo canestro di distacco, e cioè quello tra Strasbourg ed Oldenburg, con la vittoria di misura ottenuta dai tedeschi grazie ad un piccolo parziale di 5 lunghezze messo in cassaforte nel primo tempo, ed una gestione “centellinata” fino alla sirena, che ha permesso loro di espugnare il palazzetto francese e partire settimana prossima con un piccolissimo vantaggio da sfruttare davanti al pubblico amico. Per nulla equilibrata, anzi gestita dagli spagnoli per tutta la sua durata è stata la partita tra Limoges ed Herbalife, che, grazie ad un break nel primo ed uno nel terzo quarto ha permesso a Salin e compagni di riportarsi in Spagna un ottimo +17 da cui partire per staccare il pass per i quarti festeggiando davanti ai propri tifosi.

 

Pinar Karsiyaka Izmir – Galatasaray Istanbul 67-64

(Iverson 16+10r, Gabriel 13; McCollum 21+13r, Schilb 12, Lasme 11)

 

Stelmet Zielona Gora – Unics Kazan 68-72

(Ponitka 21, Moldoveanu 10; Colom 17+11a, Langford 19, Williams 15)

 

Nizhny Novgorod – Zenit St. Petersburg 102-76

( Rudd 28, Strebkov 21, Antonov 16, Mahalbasic 10; Timma 11+17r, Dowdell 15, Toolson 14, Vikhrov 14, Antipov 11)

 

Banvit Bandirma – EA7 Emporio Armani Milano 69-72

(Fortson 18, Simmons 10, Moerman 7+10r; Sanders 19, Simon 15, Cinciarini 13, Kalnietis 13, McLean 10)

 

CAI Zaragoza – Dolomiti Energia Trento 85-83

(Bellas 14, Kravtsov 14, Bellas 12, Norel 12; Wright 22, Pascolo 19, Sutton 13, Lockett 12, Sanders 11)

 

Alba Berlin – FC Bayern Munich 82-82

(Kikanovic 24, Taylor 18, Milosavljevic 17, Loncar 13; Savanovi 15, Zipser 14, Thompson 13, Gavel 13, Taylor 10)

 

Strasbourg – EWE Baskets Oldenburg 76-78

(Beaubois 17, Lacombe 14, Howard 8-11r; Paulding 24, Aleksandrov 13, Qvale 13, Duggins 10)

 

Limoges – Herbalife Gran Canaria Las Palmas 65-82

(Westermann 13, Boungou-Colo 13; Salin 18, Seeley 16, Newley 15)