LOADING

Type to search

Little Italy #3 – Andrea Bargnani

Share

 

Avevamo lasciato, la scorsa settimana, i Brooklyn Nets ed Andrea Bargnani in due direzioni totalmente opposte. I primi, dopo un pessimo inizio di stagione, stavano, e stanno, pian piano recuperando forma, gioco e, di conseguenza, vittorie; l'ala grande/pivot di origine romane stava perdendo terreno a favore di altri panchinari, finendo ai margini delle rotazioni di coach Hollins

Ritorniamo al presente e scopriamo, con tanto rammarico ed amarezza, che l'ex giocatore dei Toronto Raptors è stato vittima dell'ennesimo problema fisico. Questa volta non si tratta del problema articolare (al gomito sinistro) che lo aveva costretto a saltare quasi l'intera passata stagione. Il problema è il bicipite femorale. Una situazione delicata che lo staff medico dei Nets sta monitorando giorno per giorno. Tutt'ora non si hanno notizie certe sul suo possibile futuro rientro in campo.

In questa sfortunata settimana Bargnani ha comunque avuto modo di prendere parte alla partita alla Quicken Loans Arena contro i Cleveland Cavaliers. La partita ha visto ancora una volta la squadra di Brooklyn riaffermare la propria competitività anche contro le squadre di alto livello (solo 1 mese fa costringevano i Golden State Warriors a giocare 1 overtime). Grazie alla grande prestazione del proprio uomo di punta, Brook Lopez, e a quelle vintage di Joe Johnson, Thaddeus Young e Jarrett Jack, i Nets sono rimasti in corsa fino agli ultimi secondi. Fino a quando LeBron James ha deciso di rispolverare lo skyhook per segnare i due punti decisivi. Partita mediocre quella del mago che, in 16 minuti, si prende 9 conclusioni dal campo riuscendo a mettere a segno solo 6 punti.  

Nella partita, vinta contro i Detroit Pistons, Bargnani è rimasto in campo per soli 2 minuti prima di avvertire il sopracitato problema muscolare. E così, come successo nel match successivo, contro i Phoenix Suns, anche questa notte Andrea sarà costretto a prendere parte alla gara come semplice spettatore. La delusione di questa assenza aumenta considerando che gli avversari in questione sono i “cugini che si trovano dall'altra parte del ponte”, vale a dire i New York Knicks. Sfuma così la prima occasione di affrontare la sua ex squadra davanti al pubblico del Madison Square Garden che spesso lo aveva beccato nella scorsa stagione.

Appuntamento alla prossima settimana, sperando nel rientro in campo di Andrea, il quale è dunque costretto ancora a combattere con l'ennesimo problema fisico che, fino a questo momento, ha decisamente limitato il suo rendimento in NBA.

Leo Lucio Screnci