LOADING

Type to search

“Fuoco d’Olimpia #14” di Alessandro Usai

Share

Italbasket stupisce agli Europei. Sogna la semifinale. Sulla nostra strada c'è la Lituania. Gara tiratissima, Gentile prima ci tiene a galla poi ci manda al supplementare infognandosi sulla linea di fondo con la palla della vittoria. La sua schiacciata bimane in faccia a tutta la Lituania dopo un dai e vai resta la perla del torneo. All'overtime siamo spenti. Gallo segna, subisce il fallo ma non converte dalla lunetta. Pari 81.

Danny boy al bar

La Lituania segna ma Belinelli e il Mago buttano la palla in tribuna nell'azione seguente pressati dal play lituano. Siamo sotto di 2 punti e quel maledetto play lituano palleggia verso la linea da 3 punti, manda al bar il nostro Hackett con una sospetta spallata e infila la tripla che ci uccide. Quel momento è la fine dei nostri sogni di gloria. Quel killer si chiama Mantas Kalnietis. Chiuderà con 14 punti. La Lituania spara un terrificante 11-18 da 3 punti. Due bombe sono sono proprio di Kalnietis.

Mantra di Mantas 

Questo è il suo biglietto da visita. E l'Olimpia trova finalmente un play vero che smazza assist, accelera quando serve e ammazza l'avversario quando conta. Cinciarini potrà essere un ottimo cambio e le rotazioni di Lafayette e Jenkins saranno molto utili nello spot. Il ragazzo gioca nello Zalgiris e in Eurolega si è fatto valere con il 40% da 2, quasi il 31% da 3 e l'86% ai liberi. Totale 7 punti a partita con 4 assist abbondanti. Quello che ci serve negli equilibri del squadra. Eppure in rete alcuni sedicenti esperti o più modestamente tifosi più ignoranti dei tiri del Baso criticano la società per la scelta. Così, a scatola chiusa tanto per far sentire la loro inutile presenza.

29

Kalnietis ha 29 anni, troppo vecchio. Non segna tanto. È in un periodo di calo nello Zalgiris Kaunas e le sue percentuali lo dimostrano. Ci è costato 250 mila euro di buy out. Troppo. Ci mancava solo che criticassero il nome dei suoi due figli Tauras e Greta. Sarà il 29esimo play della gestione Armani. Che sia un numero fortunato lo scopriremo già martedì in casa del Neptunas in Eurocup. Si gioca in Lituania. Aria di casa.