LOADING

Type to search

Fuga di cervelli #6: Una settimana cruciale

Share

Settimana importante quella appena trascorsa per i nostri due azzurri i quali hanno contribuito allo stato di forma dei rispettivi college. Se dovessimo riassumere in una parola la situazione dei due italiani sarebbe sicuramente la seguente: riscatto. Ed allora andiamo a scoprire insieme perché si è verificato questo stato d’animo che darà un’ulteriore spinta ai due giovani talenti.

Come di consueto partiamo da Pierfrancesco Oliva il quale ha iniziato il fondamentale match contro Dayton in quintetto ed ha dato molta sostanza alla soprattutto sotto i tabelloni. Con i suoi quattro rimbalzi ha contribuito in questo match delicato, che valeva la seconda posizione nella A10, in cui il roster di coach Phil Martelli ha vinto grazie ad un ottimo primo tempo in cui ha creato un solco di nove punti all’intervallo (36-27 al 20’) mantenendolo nel secondo nonostante il ritmo sia aumentato considerevolmente tanto da far chiudere la partita sul 79-70 per i St.Joe’s Hawks. Meno buono è stato il risultato del match contro Davidson, ex college di Stephen Curry, che ha sconfitto gli Hawks col punteggio di 99-93. Sembrava potesse passare il college del tarantino dopo un buon primo tempo, chiusosi sul 43-48, ma nel secondo tempo il terzo miglior realizzatore di tutta la NCAA Jack Gibbs si scatena e, con i suoi trentacinque punti, permette ai suoi di superare e vincere in volata contro le aquile.

Passiamo ora a Federico Mussini che, dopo una striscia lunghissima di sedici sconfitte consecutive e ben due mesi di astinenza, ritrova la vittoria con i suoi St.John’s Red Storms. Un successo di rabbia quello ottenuto dal roster allenato da coach Chris Mullin giunto contro una DePaul dominata sin dal primo possesso con un ottimo primo tempo, culminato col risultato di 31-24, seguito da un ottimo secondo tempo terminato con il punteggio finale di 80-65. Ottima la prova del play italiano che ha concluso con diciassette punti e tre rimbalzi arrivati però dalla panchina. Nel secondo match settimanale i Red Storms partono male contro Seton Hall, poiché subiscono un pesante 22-36 al ventesimo. Successivamente avviene la rimonta per i ragazzi di Mullin ma, a sei secondi dal termine, Isaiah Whitehead realizza i due liberi che sanciscono la vittoria dei suoi. Male il Musso autore di soli quattro punti e due assist uscendo dalla panchina.