LOADING

Type to search

Cosa succede in … Serie A? #2

Share

Dopo la pausa per l'All Star Game è ripreso il campionato con la prima giornata del girone di ritorno. Tante sono state le emozioni, partendo dall'anticipo del Forum tra l'Olimpia e L'Aquila Basket Trento a dare spettacolo sul parquet. A Milano è andata di scena una partita al cardiopalma, macchiata però, dall'ennesimo infortunio di Alessandro Gentile. Alla fine, dopo un'audace prova di carattere, a spuntarla sono stati gli uomini di Repesa per 83-79. L'altro big match era quello tra Cremona Sassari, anch'essa partita per i piani alti della classifica, terminato 73-72. Da una parte una Vanoli che tanto sorpresa ormai non lo è più, dalla parte opposta una squadra che definirla altalenante sarebbe riduttivo. Anche in questo caso, i padroni di casa, si sono resi protagonisti di un'importante rimonta nel finale, trascinati da uno straordinario Elston Turner autore di 28 punti e che, durante la gara, ha superato quota 1.000 punti in Serie A. Per il Banco di Sardegna una sconfitta amara, con l'esordio di Tony Mitchell come unica nota positiva: 11 punti, 8 rimbalzi e 2 assist per l'ex Trento. Da segnalare anche il magic moment di Pistoia che sembra proprio non volersi assestare, i toscani si impongono su Brindisi per71-67 fuori dalle mura amiche. Sofferta anche la vittoria della capolista Reggio per 77-72, contro una Torino caparbia. Non si può dire lo stesso per Cantù, capace di sbarazzarsi di Capo d'Orlando per 84-56. A guidare i brianzoli il tandem Roko Ukic (esordio anche per lui)-Walter Hodge, entrambi abili nello “smazzare” 6 assist a testa.

La squadra: Olimpia Milano

Di ingredienti necessari e di motivazioni per scegliere Milano, dopo la partitissima con Trento, c'è nè sono una marea, ad esempio: il peso di questa vittoria, contro una delle suadre più in forma del nostro campionato, e per come è maturato questo successo. Una rimonta grintosa, aggettivo che fino a pochi giorni fa non apparteneva di certo all'Olimpia, come recriminato dai propri tifosi. A proposito di tifo, eccezionale quello visto e sentito al Forum sabato scorso. Qualcosa di incredibile, un'atmosfera da Play Off come pronunciato anche dai telecronisti di Sky. Il Forum, un elemento fondamentale per Milano che, se ritrova il proprio pubblico, potrà contare su un'arma in più. Le armi per i biancorossi, adesso, incominciano ad essere davvero tante. Tutti avvisati.

L'MVP della giornata: Peyton Siva (Caserta). 

Impresa difficilissima, scegliere uno tra Milan Macvan Julian Wright è davvero cosa non da poco. Soprattutto se il primo conclude la propria gara con 24 punti e 10 rimbalzi. Una doppia doppia vincente per il serbo, non per Wright che, la doppia doppia la sfiora soltanto (30 punti + 9 Rimbalzi), così come la vittoria. Potremmo premiare il primo per essere stato colui che ha trascinato Milano alla vittoria, come potremmo premiare Wright per aver dominato in maniera quasi imbarazzante: 30 punti in 30 minuti contro l'Olimpia sono davvero tanta roba ma, purtroppo per lui, non ha portato a casa la vittoria. Quindi chi premiare? Tra i due litiganti il terzo gode: Peyton Siva di Caserta. L'ex Detroit Pistons, con la sua prestazione monstre contro Varese, si aggiudica la palma di migliore del 16° turno con i suoi 24 punti, 7 rimbalzi, 5 assist e 34 di valutazione.

La partita: Olimpia Milano-Aquila Basket Trento

Emozioni a non finire nella gara del Forum, lo abbiamo già detto ma lo ribadiamo. Una sfida mozzafiato, tra due squadre che hanno dato vita ad una partita affascinante per intensità mostrata sul campo, per tutti i 40 minuti di gioco. Trento ne è uscita sconfitta ma non nel morale e nella prestazione, commovente è come questa società nel giro di 1 anno e mezzo sia riuscita a tenere testa alle grandi della Pallacanestro italiana. Dalla A2 alle posizioni alte di classifica e chi accusava i bianconeri di fortuna lo scorso anno (quinta nella regular season) ha dovuto rimangiarsi ogni parola. Trento, come la passata stagione, è ancora qui a lottare con le più forti, anche perché tale è. Milano, già lusingata in precedenza, è riuscita a cogliere la vittoria nonostante un certo Daniele Magro in quintetto, causa l'assenza dichiarata -qualche ora prima del match- di Stanko Barac. Primo tempo chiuso dai padroni di casa avanti di sei lunghezze (44-38), salvo poi farsi recuperare nel secondo tempo da una Trento micidiale nel terzo quarto. A rimontare gli ospiti ci pensa un Macvan tarantolato, il quale carica più volte il proprio pubblico, e da un super Cerella, come sempre decisivo in difesa. Strepitoso il duello tra Bruno e Forray, entrambi con sangue argentino e tanta “garra”, così come Davide Pascolo che prova a ribaltare il risultato negli istanti finali del match. Alla fine però, a spuntarla sono Macvan e compagni.

Il caso: Alessandro Gentile (Milano).

Non poteva essere diversamente. “Alegent” abbandona la sfida con Trento, uscendo dal campo per una lesione del bicipite femorale e succede il fattaccio: un tifoso (uno dei tanti che contestavano la società), lo insulta e gioisce per il suo infortunio, il giocatore se la prende e parte il battibecco tra i due, con tanto di sicurezza a placare la cosa. Penserete che sia finita quà e invece, il giorno dopo, Gentile posta su Instagram una foto con una didascalia pesante e provocatoria«La cosa più triste è uscire dal campo infortunato e sentire parole offensive nei propri confronti, la cosa più triste è vedere e leggere di gente gioire per un infortunio di un giocatore… Sicuramente ora tutto andrà meglio per la squadra senza la pecora nera … Ci rivedremo presto più ANTIPATICO ed EGOISTA che mai». Insomma, il capitano di Milano non se la passa poi così bene. Questo potrebbe essere un caso ancor più spinoso in futuro in casa Olimpia. Una camomilla prima di andare a dormire non guasta mai.

Da non perdereVarese-Milano 

Quella in programma alle 12 di domenica prossima è una partita da non perdere assolutamente. Ce lo dice la storia di queste due squadre, i tantissimi trofei in bacheca sia da una parte che dall'altra, il prestigio delle due formazioni a livello europeo e soprattutto perché è un derby e i derby sono sempre da non perdere. E che derby! Il prossimo turno vedrà anche Trento contro Cremona, una partita che almeno sulla carta, si prepara a regalare più di un'emozione. Altra gran partita sarà sicuramente Sassari-Cantù.