LOADING

Type to search

“American Roads” #6: Le Cascate del Niagara

Share

Albany senza ombra di dubbio è la dimostrazione di come l’entroterra americano possa saperti coccolare e cullare in una tempestosa sera di settembre. Neanche il tempo di godercela che è già tempo di rimetterci in marcia verso ovest: direzione Niagara Falls, le Cascate del Niagara. I circa 400km che separano Albany, capitale dello Stato di New York, dalle Cascate sono uno srotolarsi continuo di insenature, laghetti e strade. Non c’è molta pallacanestro alle Cascate del Niagara e soprattutto dal lato americano non c’è molta popolazione; oltre il Rainbow Bridge le cose cambiano: siamo in Canada ragazzi. Passare una dogana è sempre qualcosa che mi porta ansia, non perché abbia qualcosa da nascondere, ma più che altro per la paura delle domande che vengono poste durante la scansione passaporti … posso assicurare che la fantasia non manca.

[youtube=https://youtu.be/czfK1QyqGO0]

L'altro lato del ponte: il Canada

Entrati in Canada, patria dello sciroppo d’acero, e più precisamente in Ontario, patria del buon vino canadese, lo spettacolo cambia. Sembra di essere ritornati ad Atlantic City, non fosse altro che casinò, grandi hotel e lucine fungono da richiamo per i turisti. Il giro sulla barca che ti porta fin sotto alle Cascate è stato fatto, una mega doccia offerta da madre-natura anche. Il clima in Ontario è peggio di quello trovato a Boston ed Albany ed il vento, unito alla pioggia, lascia poche alternative sul da farsi.

Riflessioni post piscina.

Nell’oretta spesa nella piscina dell’hotel ho meditato su alcune cose:

  1. Parlare di sport qui è follia, pensano solo a come venderti un prodotto turistico che inizia ad avere la muffa;
  2. Se a metà settembre siamo a 15 gradi, non oso immaginare a dicembre dove si possa arrivare;
  3. I nomi degli hotel hanno ovviamente tutti un richiamo alla Cascate ma solo pochi hanno la vista su di esse;
  4. Abbiamo fatto bene a scegliere il lato canadese visto che il lato americano sembrava New Orleans dopo l’uragano Katrina;
  5. Non vedere neanche un playground dopo 10 giorni di pura devozione alla pallacanestro è triste.

Poco male su tutto, otto ore e si riparte. Lo spettacolo però vale la pena, così come le aiuole ed i giardinetti … non c’è da meravigliarsi , siamo in Canada, no?

Niagara Falls, 13 settembre 2015

L'ultima tappa sarà online dopodomani a partire dalle ore 11:00

American Roads – Washington D.C.: Clicca Qui

American Roads – Philadelphia: Clicca Qui

American Roads – New York: Clicca qui

American Roads – Boston: Clicca qui

American Roads – Albany e la Hall of Fame: Clicca qui