LOADING

Type to search

Ritorno a casa amaro per Gudaitis e Kuzminskas. L’Armani Exchange cade 77-65 contro lo Zalgiris

Matteo Bettoni 20 marzo 2018
Share
E’ amaro il ritorno in patria di Arturas Gudaitis e Mindaugas Kuzminskas. Milano perde la seconda gara consecutiva nel giro di sette giorni in casa dello Zalgiris. I lituani guadagnano la sedicesima vittoria dopo una partita sudata e combattuta punto a punto fino al 31′ di gioco quando White infila 10 punti consecutivi e stacca da solo Milano per il parziale di 10-0 che segna gli ultimi minuti e la partita intera. L’Armani Exchange disputano una grande prestazione difensiva mostrando i muscoli sotto canestro grazie alla presenza di un Gudaitis che muove i piedi molto bene anche in attacco, come in occasione degli 8 punti su 19 totali che il lituano segna nella sola terza frazione, accompagnato a sprazzi da un Tarczewski che si combina col compagno di reparto per 12 dei 13 punti nella prima metà del secondo tempo. Al contrario, l’Armani Exchange paga i vuoti nel tabellino di Goudelock – 0/8 al tiro – e Micov – 0/7 al tiro – che cercano di giocare più per la squadra per evitare una sconfitta che dipenda fortemente dalle loro prestazioni offensive. Lo Zalgiris ritrova quel momento di forma smarrito nelle due sconfitte consecutive precedenti e rimette un piede e mezzo ai playoff – dopo 19 anni -ponendo quasi al sicuro il quinto posto della classifica generale (se il Baskonia dovesse perdere anche solo una delle prossime gare, uscirebbe dalla lotta per la quinta piazza, ndr).
PRIMO QUARTO 
Il match comincia lento. Lo Zalgiris fa 4-0 con Davies e Jankunas e Milano tira 0 su 4 nei primi 4 minuti. I primi punti degli ospiti arrivano con 2 liberi di Gudaitis, ma una distrazione permette a Pangos di segnare un parziale di 5-0 con nel giro di 4 secondi (9-2). Ulanovas fa 11-2, ma Gudaitis traina i suoi in attacco con 4 punti consecutivi per l’11-6. L’Armani Exchange accorcia le distanze con la bomba di Kuzminskas (12-9) e poi segna altri due punti per il -1, ma Micic ristabilisce il +3 (14-11) a due minuti dalla fine della prima frazione. Milano va a segno ancora con il lituano Kuzminskas per il 15-14, White firma il 17-14 e Jerrells è il primo giocatore non lituano a segnare per Milano allo scadere dei primi 10 minuti.
SECONDO QUARTO
Kavaliauskas e Udrih mettono il timbro sui primi 3 punti dei padroni di casa, Milano sbaglia un paio di liberi e un tiro da tre ma resta al passo grazie al canestro di Jerrells e alla tripla di Bertans (22-21). Davies riallunga a +3 e costringe Pianigiani al timeout. In uscita dall’interruzione l’Armani Exchange fatica a muovere palla. Gudaitis viene stoppato sotto canestro, ma M’baye firma la tripla del 24 pari a metà frazione. Entrambe le squadre esitano a prendere in mano la gara e lo Zalgiris torna sopra solo due minuti più tardi con il 2 su 2 di Jankunas, Gudaitis rimette in equilibrio a quota 26 ed è ancora M’baye a spingere per il sorpasso (26-28) che tiene fino al 29-31 e viene raggiunta di nuovo con Jankunas. Milano riacciuffa il vantaggio col ribaltamento di fronte di Tarczewski che libera Bertans per la tripla del 31-34.
TERZO QUARTO 
I padroni di casa partono forte nel secondo tempo con il parziale di 5-0 che permette di mettere la testa avanti (36-34), ma Gudaitis risponde presente e firma due giochi da tre punti del controsorpasso per il 36-37 e poi per il 38-40. Lo Zalgiris risponde con tre punti firmati dalla penetrazione e and-one di Milaknis (41-40). Gudaitis è in missione e mette anche i punti numero 15 e 16 della sua partita, viene seguito dalla tripla di Jerrells e poi Tarczewski inchioda per il 42-47. Micic mette in bilico l’inerzia della gara con 4 punti in fila (46-47) ma spreca l’occasione del sorpasso con la palla persa che manda Jerrells in lunetta (46-48). Kavaliauskas e Tarczewski ne fanno una sfida personale sotto le plance e vanno a segnare i punti del 50 pari fino a quando Micic stuzzica la difesa tutt’altro che pronta di Goudelock ma non sfrutta il gioco da tre punti, Ma White allo scoccare del 30′ fa +4 (54-50).
QUARTO QUARTO 
L’apertura dell’ultima frazione è tutta di White. Il lungo fa 1 su 2 in un paio di occasioni ai liberi, ma Milano è distratta a rimbalzo e subisce due canestri consecutivi. È massimo vantaggio per lo Zalgiris (60-50). L’Armani Exchange si affida a Gudaitis che sale a 19 punti con un altro da gioco da tre punti annullato da White che segna il +9 e il +11 con la schiacciata bimane (64-53). Bertans mantiene accese le speranze dei suoi con la tripla del 64-56, ma lo Zalgiris riguadagna la doppia cifra di vantaggio coi liberi di Davies del 66-56. I padroni di casa volano sul +15 sulle ali dei punti di White e Ulanovas prima che Cinciarini metta a segno il primo canestro della sua gara (71-58). Milano risale al -11 con due canestri in fila per Kuzminskas ma cade definitivamente anche col 77-62 di Davies a pochi secondi dalla fine quando Jerrells fa il 77-65 finale.
Zalgiris Kaunas:  White 16 e 8 rimbalzi, Jankunas 15 e 6 rimbalzi, Davis 11;
Armani Exchange Olimpia Milano: Gudaitis 19 e 10 rimbalzi, Kuzminskas 12 (2/4 da tre punti), Jerrells 10;
Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like