LOADING

Type to search

Ramagli: “Niente da rimproverare. Abbiamo dimostrato carattere e non abbiamo fatto passi indietro”

Matteo Bettoni 23 aprile 2018
Share

Deluso dal finale della gara, ma non della prestazione dei suoi giocatori. Coach Alessandro Ramagli ha commentato con queste parole la sconfitta dei suoi ragazzi di ieri sera:

“Sapevamo che contro Varese sarebbe stata una partita molto complicata. Loro sono una squadra in fiducia e hanno giocato subito molto forte. Noi abbiamo giocato con grande carattere sin dall’inizio. Magari non saremo ricordati per la bellezza delle giocate, ma per il carattere che abbiamo messo in campo. Ora bisogna essere incazzati la sera e svegliarsi positivi la mattina per lavorare bene. Questo è quello che ho detto anche ai miei giocatori finita la partita. Bisogna dire che noi abbiamo giocato con una rotazione ridotta per via dei problemi che abbiamo avuto nel corso della settimana e negli ultimi giorni. Lawson ha avuto un attacco gastrointestinale nella notte ed è andato in bagno molte volte, ero senza energie. Loro hanno giocato un’ottima difesa e ci hanno braccato appena hanno avuto l’occasione. Quello che mi preoccupava di Varese non era la zona, ma la tenacia difensiva. C’è grande equilibrio in campionato, questa è una maratona. Abbiamo perso perché molti tiri sono entrati come quelli da tre punti in mezzo alla partita, comunque tutti marcati. Merito ai vincitori che hanno meriato, ma nessun demerito per noi. Ci manca il giocatore che più gioca bene sotto canestro ovvero Alessandro Gentile e per poco oggi non si andava al supplementare, noi adesso andiamo a Pistoia e giochiamo. Se qualcuno vuole fare il disfattista, stia fuori dalla porta”

Fonte: ufficio stampa Virtus Segafredo Bologna 

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1