LOADING

Type to search

Milano, Pianigiani: “Ottimo approccio. Dobbiamo migliorare nella metà difensiva”

Matteo Bettoni 5 giugno 2018
Share

Ecco tutte le parole di coach Simone Pianigiani dopo la vittoria in gara -1 contro la Dolomiti Energia:

“E’ stata una buona partita. Siamo riusciti a decidere il ritmo, ad essere fluidi anche se sappiamo della qualità della loro difesa. L’approccio alla partita è stato importante così come stare attaccati bene alla gara. L’abbiamo decisa noi. E’ stato evidente come appena un attimo ci rilassiamo dall’attenzione difensiva, il potenziale di Trento viene fuori. Se vogliamo vincere dobbiamo essere migliori di stasera perché la crescita che stiamo facendo non è abbastanza e dobbiamo essere migliori in gara -2. Non basterà la sola partita di oggi. Dobbiamo leggere meglio gli assetti dei giocatori di Trento. Sutton parte da 3 e poi finisce da 5, tanti giocatori e tante opzioni. Dobbiamo essere più brevi perché il potenziale di Trento è tanto. La nostra crescita deve fare uno step in più. Oggi abbiamo provocato dei cambi che volevamo noi, Goudelock ha fatto tanto in attacco, ma in generale dobbiamo migliorare nell’altra metà del campo. Continuiamo a lavorare perché fa parte del percorso e perché vogliamo esplorare tutte le strade che non abbiamo ancora vissuto nel nostro percorso. Shields ha dominato serie contro grandi squadre. In quei 31 punti ci sono tutti i meriti di Trento, ma lì dobbiamo essere capaci di arginare anche tutte quelle occasioni da cui sono arrivati quei punti come rimbalzi offensivi”

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like