LOADING

Type to search

Tags: ,

La NBA vorrebbe riaggiustare la ‘one-and-done rule’ con rapporti diretti tra la lega e le high-school

Matteo Bettoni 5 marzo 2018
Share

La NBA avrebbe intenzione di aggiustare la ‘one-and-done rule’, ovvero quella regola che obbliga i giovani prospetti a frequentare un anno di college o compiere 19 anni prima di passare nel mondo vero e proprio dei professionisti.

Le soluzioni, secondo Windhorst di ESPN.com, sono le relazioni che la NBA vuole intrattenere direttamente coi giocatori d’élite delle high-school in modo tale da garantire una formazione completa fuori e dentro al campo prima che si rendano eleggibili per il draft.

L’apertura di accademie, un rafforzamento dei programmi di educazione all’interno del sistema AAU o la stipulazione dei “two-way contract” per l’ingresso nella G-League così da garantire un salario abbastanza ricco quanto quello di un contratto oltreoceano sono le misure alle quali la NBA sta pensando momentaneamente.

Tutte queste ipotesi sono nate dopo gli scandali di frode e corruzione emersi dal mondo NCAA riguardanti allenatori, giocatori e amministratori indagati dalla FBI.

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1