LOADING

Type to search

Inarrestabile Varese. Conquista la salvezza sei giornate dalla fine e domina Pesaro. Coi 29 di Avramovic Varese passa 88-68 a Masnago

Matteo Bettoni 31 marzo 2018
Share

In occasione della ventiquattresima giornata di Lega Basket Serie A, Varese ospita a Masnago Pesaro, orfana di Moore e alla disperata ricerca della salvezza. Gli ospiti riescono a stare al passo della Openjobmetis per i primi tre minuti del primo quarto. Poi Varese decide di mettere il turbo e staccare per il 16-6 con 9 punti di uno Stan Okoye come al solito molto caldo nei primi dieci minuti di gioco. Pesaro si fa sentire con un paio di canestri da sotto per il 18-10 ma fatica a manovrare in attacco. Allo stesso modo fatica in difesa: i varesini tagliano bene e soprattutto tengono percentuali alte dal campo (10/13 da due) e volano sul +14 coi canestri di Cain, Larson, Avramovic e Wells. La musica non cambia nella seconda frazione. Anzi, Pesaro sembra completamente in crisi su entrambi i lati del campo e subisce un parziale di 15-0 (7 punti di Avramovic) che lancia Varese sul 42-16 con 3:52 sul cronometro. La VL strappa qualche punto dalla lunetta, ma da fuori continua ad avere poco successo (1/10 dall’arco), Varese ringrazia e prima dell’intervallo tocca quota 48, 38 per i pesaresi. I ragazzi di Caja rientrano dagli spogliatoi con una tranquillità che si sono concessi nemmeno sul +26 del primo tempo. Al contrario Pesaro sfrutta la situazione e infligge un parziale di 0-15 (un gioco da quattro punti e due triple di Clarke e due centri di Mika) per il 48-43 anche se basta un timeout a coach Caja per alzare la voce e far cambiare rotta ai suoi. Caja rimette in campo Avramovic e il serbo dà la scossa decisiva: segna diciassette punti su ventiquattro della squadra a cavallo tra la fine del terzo quarto e la prima metà dell’ultima frazione per riportare i suoi sul 80-57 con poco più di tre minuti da giocare permettendo ai varesini di mettere in cassa l’undicesima vittoria stagionale a poco più di tre minuti dalla fine. Il finale è pura amministrazione. Caja concede l’ultimo minuto e mezzo ai giovanissimi Seck, classe 2001, e Bergamaschi, classe 1998, che partecipano alla festa del 88-68 finale.

Pallacanestro Openjobmetis Varese: Avramovic 29 (10/13 al tiro), Vene 12, Tambone 11;

VL Pallacanestro Pesaro: Mika 21 (10/12 dal campo), Clarke 17

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1