LOADING

Type to search

Share

4. le triple segnate ieri sera contro Brindisi. La media stagionale da oltre l’arco per i varesini corrisponde al 36.3% che diventa 42.3% nelle vittorie. Contro Brindisi Varese è riuscita a far registrare solamente un discreto 4 su 20. Quattro sono anche i punti di uno Stan Okoye decisamente fuori giri. 2 su 5 da due e 0 su 5 da tre per l’ala varesina.

5. gli anni di assenza di Varese dai playoff. L’ultima presenza risale all’anno 2012-2013 quando i varesini, allora Cimberio, si qualificarono come prima testa di serie ai playoff. Persero poi contro la Mens Sana Siena in seminfinale, dopo aver battuto però la Reyer Venezia.

6. la posizione di classifica della Openjobmetis dopo la terzultima giornata della stagione. I varesini sono risaliti velocemente e con carattere dopo essere stati sul fondo al giro di boa.

8. i punti segnati dalla Openjobmetis nei primi 10′ di gioco a causa della difficoltà a far muovere la difesa brindisina e forzando un brutto 4 su 10 da due e 0 su 4 da oltre l’arco. E’ il minimo stagionale di punti segnati in un periodo solo.

12. come i rimbalzi totali catturati da Tyler Cain. Da quando comincia ad accendersi all’inizio del terzo quarto – suoi i primi quattro punti – Varese cambia faccia e prende il vantaggio svelatosi poi decisivo sugli esiti della gara. Limita Lydeka in difesa, cattura 3 rimbalzi offensivi importanti per garantire seconda giocate all’attacco della Openjobmetis che può contare anche su un ottimo e preciso 8 su 10 dal campo.

16. i punti a testa di Smith e Mesicek. Nel finale i due sono riusciti a tenere sempre testa a Varese. Si sono caricati Brindisi sulle spalle e hanno segnato 12 degli ultimi 14 punti dopo il parziale di 7-0 con cui la Openjobmetis ha rimesso la testa avanti.

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like