LOADING

Type to search

Share

Il campionato di Serie A è tornato e con lui anche la nostra rubrica “Numeri”: le giocate e le cifre più importanti del match in esame. Questa settimana esaminiamo ai raggi X Pallacanestro Openjobmetis Varese – Germani Basket Brescia.

Numeri

10. Il parziale che segna la gara

Moore si accende a livello realizzativo e in cabina di regia. Varese, sul 56-64, trova la fiammata che segna la gara. Ad un minuto e mezzo dall’ultima pausa, Varese resta aggrappata alla partita con un parziale di 10-0 che troverà la reazione della Germani in apertura di quarto quarto. Avramovic fa 2/3 in lunetta, Archie pareggia i conti a quota 64 con due triple in fila e poi di nuovo il serbo trasforma la palla rubata di Cain nella schiacciata del 66-64 che stordisce Brescia.

13. I punti segnati dal motorino Moore, 8 nel secondo tempo

Il play americano risolve un primo tempo tutt’altro che facile (3 punti in 14′) con 8 punti di forza e sostegno alla squadra. Appena usciti dagli spogliatoi, Brescia accelera e Varese cede il passo ritrovandosi sul 49-57. Poi Moore accende il motore: una tripla – la seconda di serata – e due punti in penetrazione che non solo accorciano sul -3, ma sono il preambolo di una fiammata varesina da 10 punti a 0 nell’ultimo minuto e mezzo del quarto. La terza tripla è quella che fa esplodere il palazzetto per il +1 sugli avversari e la vittoria finale.

41. Le due cifre che simboleggiano il dominio fisico bresciano sotto le plance

Sin dal primo quarto di gara, Brescia domina sotto entrambi i canestri grazie alla presenza di Mika (6 rimbalzi a fine gara), alla fisicità e all’atletismo di Gerald Beverly (8 rimbalzi dopo 40′). Varese fa quello che può sotto le plance cercando di difendersi con Cain, ancora della squadra a livello fisico, ma troverà il contributo dalle lunghe leve di Thomas Scrubb (9 rimbalzi). Alla fine il tabellino recita 31 a 22 i rimbalzi difensivi e 10 a 8 quelli offensivi a favore di Brescia.

50. Avramovic e Hamilton strepitosi

Sono i punti combinati dalle due maggiori forze della serata: Aleksa Avramovic (5/11 da due, 5/8 da tre) e Jordan Hamilton (4/5 da due, 4/11 da tre). Due giocatori diversi sotto molteplici punti di vista, ma simili per il contributo alla squadra. Il serbo ne fa 30, Varese dipende da lui soprattutto nel primo tempo: 21 punti segnati dalla guardia su 43 totali al riposo per sopperire al temporaneo assestamento di Moore e in attesa dell’esplosione di Archie. Discorso al contrario per Hamilton. 5 punti all’intervallo. Il talento ex nba spumeggia nel secondo tempo. Apre le danze con due triple, si fa sentire a rimbalzo difensivo e nella prima parte dell’ultimo periodo segna altri cinque importanti prima di commettere il quinto fallo. Brescia farà a meno di lui nella parte finale e più calda della gara.

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1