LOADING

Type to search

Share

In occasione del ventunesimo turno di Lega Basket Serie A contro la Dolomiti Energia Trentino, coach Attilio Caja si è espresso così ai microfoni della Openjobmetis Varese:
“Se penso a Trento mi viene in mente la squadra che l’anno scorso ha giocato la finale scudetto. Stiamo parlando di una formazione che sta attraversando un periodo estremamente positivo e che quest’anno sta partecipando all’Eurocup […]. In campionato la Dolomiti Energia è reduce da tre vittorie consecutive di cui due trasferte su campi estremamente difficili come Brescia a Reggio Emilia. Si tratta di una squadra che gioca sempre con grande energia e con grande atletismo. […] La formazione di Buscaglia è sempre molto aggressiva sulla linea di passaggio: per questo dovremo stare molto attenti a fare delle ottime esecuzioni perché con buoni blocchi, smarcamenti e passaggi molto precisi non avremo sorprese. Un altro aspetto importante sarà la lotta a rimbalzo. E Trento in questo ha dei giocatori molto pericolosi che sono bravi a giocare senza palla. Dovremo occupare l’area cercando di evitare i loro rimbalzi e i loro tagli cercando di non farci sorprendere da canestri facili. Con Flaccadori, Silins e Gomez, che sono giocatori in fiducia che stanno facendo bene, hanno qualità per fare canestro da fuori. Poi occhio anche a Forray, l’anima della squadra che dà grande energia e spinta, e che in campo fa tante cose. Per fare bene dovremo fare una gara molto attenta difensivamente cercando di pareggiare la loro energia e il loro gioco fisico. Dobbiamo giocare di squadra, aiutarci e non lasciare in uno contro uno atleti come Sutton e Hogue. In attacco invece dovremo muovere la palla e avere fiducia nei nostri mezzi”.

Fonte: sito Pallacanestro Openjobmetis Varese

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1

You Might also Like