LOADING

Type to search

Belinelli-Spurs: c’è l’accordo. Torna anche Rudy Gay

Matteo Bettoni 1 luglio 2018
Share

Marco Belinelli e Rudy Gay firmano con i San Antonio Spurs. L’italiano si fermerà per due anni, Gay si accontenta di uno. 

Belinelli non rifiuta la chiamata di Popovich

Marco Belinelli vestirà di nuovo bianco-nero. Dopo le due stagioni del 2013 e 2014, Belinelli torna a San Antonio con un accordo biennale valido $12 milioni.

Belinelli non ha potuto dire di no a coach Gregg Popovich col quale l’azzurro aveva vinto il titolo NBA nel 2014 e col quale era rimasto in ottimi rapporti anche nel lungo giro per gli States che Belinelli ha compiuto dal 2015 passando per Sacramento, Charlotte, Atlanta e Philadelphia. In attesa di vedere cosa succederà con Kawhi Leonard, gli Spurs cominciano a sistemare quindi il roster trovando un giocatore capace di adattarsi ad ogni situazione di gioco e con minuti di qualità dalla panchina. Aspetto che Marco Belinelli ha mostrato ulteriormente nei 4 mesi di convivenza coi 76ers. Il periodo più caldo dell’azzurro era arrivato nel mese di Aprile quando in una serie di 7 partite Belinelli aveva fatto registrare 18.4 punti per partita col 43.1% dalla linea da tre.

 Torna anche Rudy Gay

Dopo la rinuncia alla player-option solo una decina di giorni fa, Rudy Gay rifirma con gli Spurs. L’ala torna alla corte di Pop sulla base di un accordo annuale di $10 milioni, secondo quanto riportato da Shams Charania di Yahoo Sport:

Gay era approdato a San Antonio l’estate scorsa come pedina di lusso in grado di uscire dalla panchina per dare fiato a Kawhi Leonard. Le cose non sono andate proprio come la dirigenza degli Spurs aveva programmato. Oltre alla vicenda di Leonard, Gay è stato costretto a rimanere fermo a causa di problemi fisici giocando solo 57 gare tra stagione regolare e playoff. L’ala da Connecticut è riuscito comunque a mettere a referto 11.5 punti, 5.1 rimbalzi e 1.3 assist in circa 22 minuti per gara.

Tags:
Matteo Bettoni

Matteo è nato il 9 settembre 1996 a Milano, dove attualmente studia alla facoltà di Scienze umanistiche per la comunicazione presso l'Università Statale. Ha giocato a basket 4 anni durante gli anni delle elementari per poi appassionarsi al mondo dello sport in generale, con occhio attento al mondo del basket Nba e europeo. Il suo sogno, oltretutto dopo 5 anni di liceo linguistico dove ha avuto modo di approfondire la conoscenza dell'inglese, tedesco e francese, è quello di diventare giornalista sportivo oltreoceano.

  • 1